Christian L. Lange

English Version

Christian L. Lange: una vita a colori!

E’ un artista belga di trotter globe trotter….. da Bruxelles a Saint-Barth via Cannes, Christian Lange ha vissuto diverse vite. Agente di stampa, giornalista e poi fotografo, ha poi scoperto di avere un grande talento per le creazioni grafiche, composizioni che intrecciano immagini e computer, per realizzare film colorati che guardiamo con avidità e liberarsi delle polveri cromatiche scuotendo la testa dopo averli visti e rivisti.

 

Surrealista e orgoglioso della sua belgiosità, ha esplorato le principali città americane e ha creato la serie Take me to New York, che colpisce per la vivacità e gli sguardi innovativi sui mitici luoghi della Grande Mela, strappando porzioni di città per farle galleggiare nello spazio.

Access Cannes - Christian L. Lange - Take me to New York - Manhattan Skyline

Access Cannes – Christian L. Lange – Take me to New York – Manhattan Skyline

La sua tecnica viene costantemente affinata e recentemente ha segnato la sua carriera con una serie di lavori molto contemporanei ma ispirati che formano una sorta di prima sintesi, un po’ come il campionamento grafico, che ricorda il lavoro di campionamento dei DJ: i Paréidolies. Immagini chiave, spesso ritratti di icone universali, con sfondi onirici e precisi, diabolicamente precisi…..

Nella sua mente almeno René Magritte è un’ispirazione per il lavoro dell’artista, per questo il suo ritratto è importante nella serie.

Il surrealismo si ritrova lì attraverso gli sfondi dai colori vivaci, in cui ognuno troverà qualcosa di diverso, anche se gli elementi reali saranno accettati all’unanimità…….. Guardando verso il cielo, tutti possono vedere nelle forme delle nuvole ciò che i loro occhi interpretano. E’ un po’ la stessa cosa e Christian Lange gioca con gioia a questa parte “non visto non preso”. Il ritratto dell’ex First Lady of France occupa il posto che gli spetta in questa galleria. Carla Bruni, camaleontista, si afferma con il suo sguardo profondo, una parte più carnosa della sua persona e un capello che potrebbe trasformarla in una Marianna….. Ma se ti immergi nello sfondo, andrai di nuovo a caccia di dettagli. Vedrai, non vedrai, non vedrai, tornerai nello stesso posto per trovare qualcos’altro, anche se significa credere che stai perdendo la testa….. Hai ragione su questo?

Access Cannes - Christian L. Lange - Madonna

Access Cannes – Christian L. Lange – Madonna

Madonna la leonessa, quasi si fonde con la pantera sottile Marilyn Monroe. Casuale? Guarda nei capelli, tra le dita, in profondità negli occhi…….. E vedrai, forse! Questa è la magia dei paréidolies. Camminiamo in questa serie un po’ come nei vicoli di un mercato indiano con piramidi di spezie. E’ come un assaggio alla cieca in cui i nostri occhi si trasformano in papille gustative. Ogni dettaglio ha un sapore, ci ricorda qualcosa, ma non possiamo metterci il dito sopra…….. Ed è questo che rende ricco l’esercizio! Lo stesso vale qui e Christian Lange non darà mai la sua ricetta….. Non è nemmeno certo che ce ne sia uno. Surreale, vero? Anche una galleria di New York ne segue da vicino l’evoluzione. Cosa avrebbe detto Magritte sul lavoro di questo artista fuori dagli schemi? Forse solo “vedo quello che sto guardando”?

 




15 marzo 2018